martedì 14 dicembre 2010

Passatelloni al sugo di champignons

Questo piatto è stato un esperimento piuttosto che altro, ma giudicate voi e datemi anche qualche consiglio se vi va.

Oramai mi nutro di programmi culinari, tra cui, chef per un giorno. Trovo che alcuni VIP abbiano alle spalle una conoscenza dei piatti straordinaria, anche se poi alla fine non cucinano loro.

La puntata con Lucarelli, mi ha dato grosse soddisfazioni.

In questa puntata Lucarelli ha trattato il piatto dei passatelli, ma non nel modo tradizionale, o meglio come li ho sempre visti fare io, cioè in brodo, ma asciutti, come se fosse pasta fresca, conditi poi con un sugo se non mi sbaglio allo speck.

In pratica per un piatto di passatelloni, ho messo in una ciotola 4 cucchiai di pane grattato, 2 cucchiai di grana grattugiato, 1 cucchiaio di semola di grano duro, un uovo, sale e noce moscata. (porzione per una persona)

Si impasta il tutto, si fa riposare.

Adesso entra in scena la caccavelleria, ovvero, occorrerebbe essere muniti di uno schiaccia patate a fori larghi, ma io non ce l’avevo. Quindi ho dovuto optare per stendere una sfoglia sottile e fate tante strisce, che poi sono diventate striscione…vabè.

Si prendono le strisce e si fanno cuocere in acqua calda bollente per un tot, in base anche allo spessore, poi si scolano e si condiscono con il sugo, in questo caso ho usato un sugo ai funghi.

Poi si mangiano direi.

Al palato sono risultati un po’ tosti…forse avrei dovuto farli più piccoli. Ma di per sé l’idea non mi è dispiaciuta.

Ripeterò l’esperienza magari munendomi di un marchingegno che mi permetta di ottenere dei “cordoncini”.

PASSATEvela bene ahahahah.

2 commenti:

Federica ha detto...

gnam gnam che buoniiiiiiiiii!

Betty ha detto...

pensa tu... io non li ho mai fatti i passatelli! che consiglio posso darti?
però son capacissima a mangiarli eh! :-P
bravissima.
baci.